Rete Nuove Dipendenze

Rete Nuove Dipendenze
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Area RND: gruppi di lavoro
 Pubblicità
 Il nudo vende: due seni bloccano il traffico
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione  

Rosy
Rete Nuove Dipendenze


Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Tivoli


138 Messaggi

Inserito il - 24/05/2008 : 01:43:14  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Rosy Invia a Rosy un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Manifesti pubblicitari , giganteschi ,di due seni che dovrebbero rappresentare il Vesuvio e L'Etna,di una compagnia di navigazione, hanno paralizzato il traffico di Napoli,notoriamente insensibile al rosso dei semafori e all'autodisciplina.Ma due prosperosi seni sono riusciti a fare il miracolo di rallentare la corsa e ,ancor più, di fermare le auto, con conseguenti intasamenti e paralisi del traffico.
Tanto può un seno prosperoso!Meglio se esposto su manifesti giganteschi.
Il Vesuvio e L'Etna...la mercificazione del corpo femminile nella pubblicità fa vendere tutto, persino il silicone.
Chissà se la fotografia gigantesca di altre parti del corpo femminile e maschile( perchè no? ) avrebbero prodotto lo stesso effetto.Ma se si fossero mostrate due natiche o due testicoli( non sono forse tendenzialmente sferici come i due seni? )di cosa si sarebbe trattato? Di pornografia?Forse i due seni hanno meno dignità delle natiche e dei testicoli per cui si possono mostrare senza tanti problemi?Forse i due seni sono innocui, materni?Eppure sempre sessualizzati.Volevano essere spiritosi i pubblicitari che hanno ideato il manifesto?Eppure anche le altre due parti del corpo sono in coppia e sono vicine.
Il seno di per sè identifica la donna, più dei genitali.Negli anni '50 un analogo manifesto fu impiegato per indurre il consumo del latte.Romantico, decisamente.Lo dico in senso ironico...
L'utilizzo del corpo femminile nudo,parziale o totale, a tutte le ore, nella pubblicità è ormai adottato per reclamizzare prodotti che con il corpo e tantomeno con la nudità , non hanno nulla a che fare.
I furbi della pubblicità sanno che il nudo è pruriginoso, sanno che il riferimento sessuale è pruriginoso e ne approfittano per circuire le menti delle persone pruriginose.
Da qualche tempo compare nella pubblicità anche qualche nudo, parziale o totale, maschile, per il pubblico femminile, credo, e per quello omosessuale: noi donne e gli omosessuali siamo una bella fetta di mercato, non possono mica ignorarci, ma certo il nudo femminile è più a buon mercato.

Personalmente trovo pornografico l'uso del corpo nudo per vendere qualsivoglia oggetto e servizio.L'uso, non il corpo nudo.

Ricordo "un matto " di un ospedale psichiatrico,di un "manicomio", che andava in giro tenendo stretto un lenzuolo che lo copriva solo davanti, lasciando completamente scoperta la parte posteriore del corpo e alla suora che lo rimproverò dicendogli : " Copriti anche dietro!Non vedi che ci sono i dottori e le dottoresse? " ,candidamente rispose: " No, dietro siamo tutti uguali".
Forse se i pubblicitari avessero utilizzato un paio di natiche, invece che un paio di seni,non avrebbero fatto torto a nessuno: si sarebbe potuto trattare di due natiche femminili o maschili,ma sarebbero state pornografiche?Eppure non fanno parte del corpo come i seni?Ma forse la similitudine sarebbe stata di cattivo gusto e ingiusta per due giganti della natura come il Vesuvio e l'Etna!
Ho sempre pensato che quel " matto" avesse più dignità e senso della propria identità sessuale di tanti "sani".
Basta con la mercificazione del corpo femminile.
So che non viaggerò mai con quella compagnia. Ho imparato a fare così da bambina con le lezioni di Gandhi, di Martin Luter King, dei Neri d'America e del Sudafrica.
La pubblicità che usa il corpo nudo delle donne per reclamizzare oggetti e servizi si può contrastare facendo proprio il contrario di ciò che vorrebbe ottenere:non compriamo.Siamo una bella fetta di mercato. Una pubblicità non serve a niente se non produce vendite.
Non c'è bisogno di sessualizzare ogni cosa.La dimensione sessuale e il corpo nudo, femminile e maschile, di per sè non sono pornografici.
La mercificazione rende il corpo pornografico perchè l'obiettivo è il denaro, non la persona.

Si ha notizia della segnalazione al Giurì del manifesto dei seni.

Rosa Mininno

Modificato da - Rosy in Data 13/06/2008 21:20:10
  Discussione  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Rete Nuove Dipendenze © Movimento Psicologi Indipendenti Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,09 secondi. Herniasurgery.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000