Rete Nuove Dipendenze

Rete Nuove Dipendenze
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Area pubblica: per i professionisti
 Spazio opinione
 Depressione : il killer silente
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione  

Rosy
Rete Nuove Dipendenze


Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Tivoli


138 Messaggi

Inserito il - 08/09/2009 : 20:12:27  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Rosy Invia a Rosy un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
La Depressione,presente in molti quadri clinici e dipendenze come il Gioco d'Azzardo Patologico, miete ogni anno migliaia di vittime nel nostro Paese. Di seguito segnalo un articolo pubblicato sul Corriere della Sera con dati preoccupanti resi noti dall'OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Un killer silente la Depressione che chiude nell'oscurità le menti delle persone annullando la dimensione temporale, lo spessore emotivo,la capacità e la volontà di relazionarsi con gli altri,la dimensione progettuale, il valore di se stessi e della vita.
Colpisce statisticamente più le donne, con un rapporto 2 a 1. L'OMS segnala oltre 450 milioni di persone colpite da disturbi del tono dell'umore ,in Italia sarebbero 15 milioni le persone sofferenti di Depressione eppure viene denunciata una sottovalutazione del problema nei servizi, ma la Depressione, evidenzia in base ai suoi dati l'OMS , è stimata nel futuro a incrementarsi.

Occorrono sinergie,strutture operative, qualificazione degli operatori, strategie di prevenzione e d'intervento perché emerga il sommerso già in età infantile e adolescenziale.
La Depressione è silenziosa, troppo.Bisogna saperla individuare negli adulti come nei giovani.

Rosa Mininno



Depressione: il male del futuro
fonte Corriere della Sera
3/09/2009

È l’Organizzazione mondiale della sanità a dirlo: nel 2030 la sola, vera piaga sociale ed economica mondiale sarà la depressione: un male che già adesso è più diffuso di malattie più temute come cancro o Aids, e che nel prossimo ventennio affliggerà un numero sempre maggiore di individui. Secondo i dati dell’Oms, infatti, attualmente vi sono oltre 450 milioni di persone affette da disturbi dell’umore, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, e il numero sarebbe destinato ad aumentare drasticamente, fino ad arrivare a gravare sui sistemi sanitari nazionali più di qualsiasi altra malattia. Stando a quanto rivelato dalle ultime stime pubblicate dall’Osservatorio nazionale salute donna in collaborazione con Progetto Itaca – solo in Italia la depressione interessa 15 milioni di persone, «pari al 25 per cento della popolazione, quando solo nel 2000 erano poco più di 10 milioni, ed è la prima causa di disfunzionalità tra i 14 e i 44 anni di età; colpisce soprattutto le donne con un rapporto di 2 a 1 rispetto agli uomini dopo l’età puberale ed è in costante aumento».

EPIDEMIA SILENZIOSA – Si tratta di un serio problema di salute pubblica, purtroppo spesso sottovalutato e per questo destinato a pesare sempre di più sulla società sia a livello economico che sociologico. Si pensi che la maggior parte dei Paesi in via di sviluppo dedicano meno del 2 per cento del loro budget di spesa alla cura di questo tipo di patologia. La depressione è per gli esperti dell’Oms una vera e propria «epidemia silenziosa», che ogni anno provoca circa 800 mila suicidi, specialmente nelle nazioni dell’Europa orientale e principalmente tra le persone di età compresa tra i 15 e i 44 anni.


--------------------------------------------------------------------------------
titolo: Depressione: il male del futuro
fonte: Corriere della Sera (http://www.corriere.it)
  Discussione  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Rete Nuove Dipendenze © Movimento Psicologi Indipendenti Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,09 secondi. Herniasurgery.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000