Rete Nuove Dipendenze

Rete Nuove Dipendenze
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Area RND: gruppi di lavoro
 Gioco d'azzardo patologico
 Gioco d'azzardo e usura catturano i giovani
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione  

Rosy
Rete Nuove Dipendenze


Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Tivoli


138 Messaggi

Inserito il - 22/03/2010 : 20:59:56  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Rosy Invia a Rosy un Messaggio Privato  Rispondi Quotando

Del pericolo rappresentato dalle slot machine e dai videopoker per i giovani e del rischio usura e spaccio di droga come ricatto nei loro confronti con pesanti conseguenze in famiglia , ne ho sempre parlato nei miei incontri con i giovani, con i genitori, con gli operatori. Oggi arriva una conferma da una ricerca del CNR in Umbria, pubblicata da " Dire Giovani ".E' necessario attivare modelli integrati di intervento e non sottovalutare il problema.
L'ottundimento delle menti passa anche attraverso il gioco d'azzardo.
Di seguito l'articolo con i dati della ricerca del CNR.
Questa è anche una emergenza educativa per la quale il Ce.S.I.G. Il Centro Studi e Interventi sulla Genitorialità della Rete Nuove Dipendenze , offre il proprio aiuto ai genitori coinvolti.


Rosa Mininno



I TEENAGER SI INDEBITANO PER SLOT MACHINE E VIDEOPOKER
RICERCA DEL CNR
(DIRE - Notiziario Minori) Roma, 22 mar. - In Umbria e' allarme dipendenza da gioco d'azzardo tra i minori. Sarebbero circa 16 mila nella regione i baby-giocatori tra i 15 e i 19 anni che hanno giocato d'azzardo almeno una volta, con una percentuale del 58% tra gli uomini ed il 33% tra le donne. Sono dati diffusi da una ricerca dell'Istituto di Fisiologia clinica del Cnr che, comparando i numeri regionali a quelli nazionali, fa salire al 63% la media dei ragazzi tra i 15 e i 24 anni che in Umbria hanno provato slot machine e videopoker, contro una media nazionale del 46 per cento. Numeri allarmanti che si intrecciano con un'altra e piu' grave emergenza, l'usura sui minori. E' Alberto Bellocchi, presidente della Fondazione Umbria contro l'usura e procuratore della Repubblica presso il Tribunale dei minorenni di Perugia, a sollevare il velo su un fenomeno ancora in gran parte sommerso e poco esplorato. "Le somme per cui i ragazzi s'indebitano per videopoker e scommesse vanno dai 300 ai 600 euro - afferma Bellocchi - ma possono portare i giovanissimi scommettitori a diventare oggetto di ricatto, anche da parte di adulti, frequentatori di locali dove si gioca ai videopoker o si scommette. All'inizio i prestiti riguardano cifre basse, ma con un tasso di interesse giornaliero anche del 10 per cento. Vale a dire del 3.500 per cento su base annua". "Quando le giocate diventano frequenti e s'inizia a perdere c'e' sempre qualcuno disposto a prestare i soldi- continua Bellocchi - il ricatto, ad esempio, per i minorenni puo' essere quello di sdebitarsi spacciando la droga per conto dei creditori. Infatti, non mancano le famiglie che si sono trovate in condizioni di disagio a causa dei debiti di un figlio". Ma il gioco compulsivo, pur essendo un fenomeno ormai inquadrato a livello statistico, non lo e' altrettanto a livello epidemiologico. Stando sempre alla ricerca del Cnr, infatti, in Umbria tra i circa 30 mila giovani dipendenti da gioco d'azzardo, scommesse e videopoker, solo 30 nel 2009 sono stati in terapia nell'unica struttura regionale che ha avviato un percorso riabilitativo ad hoc per il gioco compulsivo: si tratta del Dipartimento Dipendenze della Asl 3 Foligno-Spoleto che, da progetto pilota, si candida ad essere capofila di una serie di servizi analoghi sull'intero territorio regionale. La Direzione regionale Sanita' e Servizi sociali, infatti, negli ultimi mesi ha spinto sull'acceleratore per costituire in ogni Asl un centro specializzato nella "ludodipendenza".

"In Umbria esiste una fascia giovanile da tenere sotto stretta osservazione", dichiara Angela Bravi, della sezione Salute mentale e dipendenze della Direzione regionale Sanita', commentando i dati diffusi dall'Istituto di Fisiologia clinica del Cnr. Allarme condiviso da Sonia Biscontini, psichiatra e direttore del Dipartimento Dipendenze della Asl 3 Foligno-Spoleto che raccomanda "di non lasciare mai soli i ragazzi per ore davanti al pc o a navigare liberamente in rete".

(Wel/ Dire)



Modificato da - Rosy in Data 22/03/2010 21:23:33
  Discussione  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Rete Nuove Dipendenze © Movimento Psicologi Indipendenti Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,13 secondi. Herniasurgery.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000